PROGRAMMA 
Premessa – Attività della Neuropsichiatria Infantile nell’ambito della programmazione regionale relativa alla salute mentale in età evolutiva
Le criticità da affrontare sono molteplici ed esigono risposte pronte e concrete. Proprio per questo motivo abbiamo scelto, nel delineare i nostri obiettivi, di partire da ciò che di positivo sta avvenendo all’interno delle istituzioni territoriali (distretti, direzioni generali) e centrali (Regione).
I neuropsichiatri infantili attualmente sono coinvolti formalmente in processi istituzionali (tavoli tecnici, gruppi di lavoro, ecc.) relativi a programmazione sanitaria e organizzazione dei servizi. In ambito regionale, inoltre, negli ultimi tempi, si sta assistendo ad un rinnovato interesse nei confronti della neuropsichiatria infantile. Pur dovendo registrare, purtroppo, una battura d’arresto sulla legge che avrebbe dovuto istituire il dipartimento e le unità operative, alla fine di luglio è stata emanata una circolare che, nei fatti, prefigura un nuovo assetto per la NPIA con la creazione di un “Centro di riferimento per la salute mentale in età evolutiva” per ogni ASL.
Su determinate tematiche sono stati aperti tavoli tecnici a cui hanno partecipato i neuropsichiatri infantili individuati dalle ASL di riferimento, nei quali sono state messe a punto le procedure riguardanti:
a) il percorso “handicap” per l’inclusione scolastica (DGRC 546 del 13-12-2013);?
b) il percorso per la diagnosi dei disturbi specifici dell’apprendimento (DGRC 43 del 28/02/2014); 
c) gli interventi da effettuare nell’ambito della sanità penitenziaria e a tutela della salute mentale dei minori dell’area penale.
E’ stato costituito il gruppo di lavoro che si dovrà occupare della Riabilitazione e che vedrà la partecipazione di un rappresentante della SINPIA, come richiesto con corrispondenza formale.
E’ attivo il Comitato tecnico sull’autismo, i cui lavori sono in una fase preliminare di acquisizione dei dati da parte delle ASL. E’ inoltre prevista la partecipazione ad un’indagine che l’Istituto Superiore di Sanità intende condurre per assumere informazioni sui percorsi assistenziali implementati in regione a favore dei soggetti con disturbo dello spettro autistico.
Nell’ultimo periodo è operativo in regione un gruppo di lavoro che sta redigendo le procedure per affrontare l’Emergenza psichiatrica in età evolutiva e sta delineando i profili assistenziali, gli standard strutturali, organizzativi e procedurali delle comunità per minori dell’area penale. Gli obiettivi, nel breve e medio periodo, sono quelli di concludere questo lavoro per avviare la procedura di accreditamento delle strutture. Successivamente saranno poste altre questioni, come l’istituzione di un osservatorio sulle attività di neuropsichiatria infantile, attraverso l’implementazione di un sistema di report dati che sia omogeneo su tutto il territorio regionale. Particolare attenzione sarà posta anche sulle modalità di accesso ai servizi, dove si registra una notevole disomogeneità: questa azione rientra nelle politiche regionali finalizzata ed eliminare i fattori di disuguaglianza e ad assicurare equità. L’azione sarà contestualizzata all’interno di procedure operative che avranno la finalità anche di pubblicizzare le attività di neuropsichiatria infantile, le modalità con le quali vengono realizzate, i tempi, e gli strumenti che vengono adottati.
 
Obiettivi
Al fine di connotare, sin da subito, con una qualifica di concretezza le azioni future, l’articolazione degli obiettivi generali è corredata di esempi relativi ad attività già in corso di realizzazione come SINPIA o in rappresentanza della branca, a cui si intende dare sostegno e continuità nel prossimo triennio.
1) Promuovere il coinvolgimento della SINPIA nelle le attività di programmazione sanitaria regionale inerenti prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione delle patologie neurologiche, ?neuropsicologiche e/o psichiatriche dell’infanzia e dell’adolescenza. ? In seguito a lettera indirizzata alla Regione Campania abbiamo chiesto e ottenuto la partecipazione della SINPIA al gruppo di lavoro regionale su “lmplementazione del piano d’indirizzo per la riabilitazione”. 
2) Tutelare la professionalità, la qualificazione e gli interessi dei neuropsichiatri infantili campani sostenendo la partecipazione e il coinvolgimento degli stessi in tutte le attività di programmazione sanitaria e organizzazione dei servizi a livello distrettuale, aziendale e regionale e in ogni altra condizione che valorizzi la funzione dei neuropsichiatri infantili. Attualmente, presso la Regione Campania, nelle more del recepimento del “Piano d’azione nazionale per la salute mentale”, sono state tracciate linee di indirizzo per le attività territoriali di NPIA e sono in discussione aspetti operativi e attuativi, come descritto in premessa. 
3) Promuovere e sostenere l’elaborazione di procedure e percorsi sanitari omogenei, affiancando i neuropsichiatri infantili che operano nel territorio nella formulazione di protocolli e linee guida assistenziali e favorendo lo scambio e l’interconnessione delle esperienze.?Si opererà in modo concreto all’interno dei tavoli tecnici regionali affinché i percorsi delineati siano rimodulati e resi coerenti in ordine alle diverse realtà territoriali e alle problematiche operative emerse dopo le fasi sperimentali di attuazione. ? In alcune ASL campane, ad esempio, grazie anche all’attivazione dei neuropsichiatri infantili e delle figure di coordinamento e di riferimento aziendali, sono stati realizzati: 
− Percorsi per l’integrazione scolastica del minore con handicap attraverso l’attivazione di formazione specifica relativa alla diagnosi funzionale secondo ICF e l’elaborazione di un documento conclusivo relativo alle criticità presentate dal modello di diagnosi funzionale regionale, con individuazione di possibili modifiche 
− Elaborazione del percorso autismo aziendale 
− Partecipazione ai lavori per modificare la delibera regionale relativa ai DSA 
− Attivazione di corsi di formazione per la specialistica sui DSA ?
I percorsi attivati possono essere spunto per elaborare procedure relative alle buone prassi da condividere in ambito regionale. 
4) Creare una banca dati contenete i documenti più significativi relativi alla programmazione ?sanitaria regionale, che hanno un impatto diretto o indiretto sull’attività dei neuropsichiatri infantili.
5) Operare in sinergia con l’Associazione NPIA in rete Campania 
6) Consolidare i rapporti con altre società scientifiche e associazioni che operano nel campo della tutela della salute dell’infanzia e dell’adolescenza e promuovere nuove forme di collaborazione.?Attualmente sono in essere rapporti di collaborazione con SIMFER, ANUPI, AID. 
7) Istituire gruppi di studio 
8) Promuovere iniziative formative regionali.?La segreteria regionale potrebbe essere già co-promotrice del congresso Nazionale Intersocietario SINPIA-SIMFER che si svolgerà in dicembre a Napoli. 
 
 

Segretario 
Goffredo Scuccimarra 
FONDAZIONE ISTITUTO ANTONIANO 
VIA MADONELLE 15 
80056 ERCOLANO (NA) 
TEL.     081 7753054 
E-mail: goffredo.scuccimarra@istitutoantoniano.it;sinpia.campanomolisana@gmail.com

Segreteria Regionale
 
Consiglieri:
Giuseppe Brogna
Anna Capocasale
Marco Carotenuto 
Cecilia Cocchiaro
Giuseppina Falcigna 
Fulvio D’Amico
Domenico Dragone
Camillo Vittozzi  
 
Verbale Assemblea Ordinaria
Verbale assemblea ordinaria ed elezione segreteria
 
Legge regionale 28 settembre 2017 n.26
Organizzazione dei servizi a favore delle persone in età  evolutiva con disturbi del neurosviluppo e patologie neuropsichiatriche e delle persone con disturbi dello spettro autistico
 
Piano Regionale di Programmazione della Rete per l’Assistenza Territoriale 2016-2018

Leggi

 
Decreto n.24 del 31/03/2016
Approvazione linee di indirizzo regionali sulla riabilitazione per i Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA)
 
Modificato l’art.8 della Legge di stabilità  regionale dopo le osservazioni della SINPIA
In seguito alle osservazioni deella SINPIA, la Regione Campania ha modificato l’Art.8 della Legge n.1/2016 in cui si indicava l’ ” adozione del metodo Analisi Comportamentale Applicata (ABA) come metodologia a cui ispirare tutti gli interventi diretti ai disturbi dello spettro autistico”. Il nuovo testo è stato pubblicato nella Legge n.6/2016 collegata alla finanziaria regionale.

Leggi

 
Legge di Stabilità  Regione Campania – Nota SINPIA Campano-Molisana
La Segreteria SINPIA Campano-Molisana ha inviato nota di protesta contro il provvedimento contenuto nella Legge di stabilità regionale 2016,che indica il “metodo ABA come la metodologia a cui ispirare tutti gli interventi” rivolti ai soggetti affetti da disturbo dello spettro autistico.

Leggi

 
Decreto n.45 del 21/05/2015
Recepimento accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano, le Province, i Comuni e le Comunità montane sul documento recante “Gli interventi residenziali e semiresidenziali terapeutico riabilitativi per i disturbi neuropsichici

Leggi

 
LEGGE 18 agosto 2015, n. 134
Disposizioni in materia di diagnosi, cura e abilitazione delle persone con disturbi dello spettro autistico e di assistenza alle famiglie. (GU n.199 del 28-8-2015)
 
Bozza LEA 2015
E’ scaricabile la bozza sui “nuovi LEA” 2015

Leggi

 
Percorso per l’accertamento dei Disturbi Specifici di Apprendimento: diagnosi e certificazione – Parte B – DGR n 43/2014
Note SINPIA Sezione Campano-Molisana
 
Decreto n. 108 del 10/10/2014
Oggetto: Adeguamento dei Programmi Operativi 2013 / 2015 agli indirizzi ministeriali

Leggi

 
Decreto n.105 del 01/10/2014
Oggetto: Obiettivi di carattere prioritario e di rilievo nazionale a norma dell’art. 1, commi 34 e 34 bis, della legge 662/96. Recepimento dell’accordo ai sensi dell’art. 4 del Decreto Legislativo 28 agosto 1997, n. 281 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sulle linee progettuali per l’utilizzo delle risorse vincolate per la realizzazione degli obiettivi del Piano Sanitario Nazionale per l’anno 2013.

Leggi

 
MINISTERO DELLA SALUTE – Decreto
Approvato dalla Conferenza Stato-Regioni il Regolamento per la definizione degli standard dell’assistenza ospedaliera
Regolamento recante: “Definizione degli standard qualitativi, strutturali, tecnologici e quantitativi relativi all’assistenza ospedaliera, in attuazione dell’articolo 1, comma 169 della legge 30 dicembre 2004, n. 311” e dell’articolo 15, comma 13, lettera c) del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012, n. 135.

Leggi

 
Delibera della Giunta Regionale n. 43 del 28/02/2014
Oggetto dell’Atto:
Approvazione schema di protocollo d’intesa tra Regione e Ufficio Scolastico Regionale – MIUR della Campania per la definizione del percorso di individuazione precoce delle difficoltà di apprendimento, di diagnosi e di certificazione dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), in ambito scolastico e clinico, e approvazione del modello di certificazione sanitaria per i DSA.
 
Delibera della Giunta Regionale n. 546 del 13/12/2013
Oggetto dell’Atto:
Modifiche alla D.G.R.C. n. 685 del 10/12/2012. Linee di indirizzo per la semplificazione del processo di individuazione e valutazione dell’alunno con disabilità ai fini della presa in carico per l’integrazione scolastica. Nuovo percorso operativo.
 
Decreto n. 114 del 02.12.2013

Oggetto dell’atto: “Individuazione/Aggiornamento Rete Regionale dei Centri prescrittori e codifica – monitoraggio induzione spesa farmaceutica” Modifiche e integrazioni.

Leggi

 
Decreto N. 46 del 15/05/2013
Oggetto dell’Atto:
Recepimento schema di accordo tra Governo, Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano, le Province, i Comuni e le Comunità montane su “Linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel settore dei Disturbi Pervasivi dello Sviluppo (DPS), con particolare riferimento ai disturbi dello spettro autistico”.

Leggi

 
Delibera della Giunta Regionale n. 685 del 10/12/2012
Oggetto dell’Atto:
Linee di indirizzo per il processo di individuazione e valutazione dell’alunno con disabilità ai fini della presa in carico per l’integrazione scolastica
 
Decreto Presidente Giunta n. 125 del 18/04/2012
Oggetto dell’Atto:
Nomina componenti “Comitato tecnico regionale per l’Autismo e i Disturbi Generalizzati dello Sviluppo” ex DGRC n. 489/2011 e s.m.i.

Leggi

 
Proposta di Legge “Istituzione dei Dipartimenti e delle Unità O

Leggi